Ultrasuoni al seno: indicazioni, come si fa e risultati

L'esame ecografico del seno è di solito richiesto dal ginecologo o dal mastologo dopo aver sentito un grumo durante la palpazione del seno o se la mammografia è inconcludente, specialmente nella donna che ha il seno grande e ha casi di cancro al seno in famiglia.

L'ecografia non è la stessa della mammografia, né sostituisce questo esame, essendo solo un esame in grado di completare la valutazione mammaria. Anche se questo test può anche identificare grumi che possono indicare il cancro al seno, la mammografia è il test più appropriato da eseguire su donne con sospetto cancro al seno.

L'ecografia del seno può essere eseguita con Doppler, contrasto, 3D, automatizzato o tramite elastasi mammaria.

Possibili risultati dell'esame

Dopo l'esame, il medico scriverà un rapporto su ciò che ha visto durante l'esame, secondo la classificazione Bi-RARDS:

  • Categoria 0:

Valutazione incompleta, che richiede ulteriori immagini per rilevare possibili cambiamenti.

  • Categoria 1:

Risultato negativo, nessun cambiamento è stato trovato, solo il follow-up di routine in base all'età della donna.

  • Categoria 2:

Sono state trovate alterazioni benigne, come semplici cisti, linfonodi intramammari, protesi o alterazioni dopo l'intervento. Normalmente questo tipo di cambiamento rappresenta noduli solidi benigni e stabili per 2 anni.

  • Categoria 3:

Sono stati riscontrati cambiamenti probabilmente positivi, che richiedono un esame ripetuto a 6 mesi e poi a 12, 24 e 36 mesi in relazione al primo esame alterato. I cambiamenti che possono essere stati trovati qui possono essere noduli che suggeriscono fibroadenoma, o cisti complesse a grappolo. Rischio di neoplasia fino al 2%.

  • Categoria 4:

Sono stati trovati risultati sospetti e si raccomanda la biopsia. I cambiamenti possono essere noduli solidi senza caratteristiche suggestive di benignità. Questa categoria può inoltre essere suddivisa in: 4 A - basso sospetto; 4B - sospetto intermedio e 4C - sospetto moderato. Rischio di malignità dal 3% al 94%, ed è necessario ripetere l'esame per confermare la diagnosi.

  • Categoria 5:

Severe alterazioni furono trovate, con grande sospetto di essere maligne. Una biopsia è necessaria e in questo caso il nodulo ha una probabilità del 95% di essere maligno.

  • Categoria 6:

Confermato il carcinoma mammario, in attesa di trattamento che potrebbe essere la chemioterapia o la chirurgia.

Come viene fatto questo esame?

La donna deve rimanere sdraiata su una barella senza camicetta e reggiseno, in modo che il medico passa un gel sul seno e sotto l'ecografia al seno del dispositivo è posto a contatto con la pelle. Il medico farà scorrere questa apparecchiatura attraverso il seno e osserverà sullo schermo del computer e ci sono cambiamenti che potrebbero indicare cambiamenti come il cancro al seno.

L'ecografia non è a disagio o provoca dolore, come in mammografia, ma è un test che ha dei limiti e non è la scelta migliore per la diagnosi precoce del cancro al seno, non è bene per verificare le modifiche con meno di 5 mm di diametro .

A cosa serve

Ecografia del seno è particolarmente adatto per studiare la presenza di noduli o cisti al seno in donne con seni densi e un alto rischio di cancro al seno, come coloro che hanno una madre o nonni con la malattia.

Altre situazioni in cui è possibile richiedere l'ecografia del seno è in caso di:

  • Dolore al seno;
  • Lesioni o processi infiammatori del seno;
  • Nodulo palpabile e follow-up nodulo benigno;
  • Per differenziare un nodulo solido da un nodulo cistico;
  • Distinguere tra noduli benigni e maligni;
  • Per rilevare sieroma o ematoma;
  • Per aiutare a osservare il seno o la massa durante una biopsia;
  • Se la chemioterapia ha il risultato atteso dall'oncologo.

Tuttavia, questo test non è un'opzione migliore per indagare su cambiamenti come i microcisti nel seno, qualsiasi lesione inferiore a 5 mm, e anche nelle donne più anziane che hanno il seno flaccido.