Trattamento per la sindrome di Ogilvie

Il trattamento per la sindrome di Ogilvie, che è un problema grave che causa un'eccessiva dilatazione dell'intestino, dovrebbe essere guidato da un gastroenterologo e di solito viene fatto in ospedale per fare una valutazione costante del paziente ed evitare lo sviluppo di gravi complicanze come perforazione dell'intestino, per esempio.

Generalmente, il trattamento è iniziato con il riposo del cibo, le iniezioni di siero direttamente nella vena e il posizionamento di un sondino nasogastrico, dalla bocca allo stomaco, per aiutare ad alleviare la pressione all'interno dell'intestino.

Tuttavia, se non vi è alcun miglioramento dei sintomi dopo 3 giorni di trattamento, il medico può anche raccomandare la somministrazione di un medicinale, chiamato Neostigmina, che aiuta a decomprimere l'intestino ma può causare vari effetti collaterali, specialmente nei pazienti con problemi cardiaci , malattia renale o storia di ulcera gastroduodenale.

Nei casi più gravi, in cui nessuno dei trattamenti sopra indicati ha alcun effetto o c'è un alto rischio di complicanze, la chirurgia può essere utilizzata per eseguire una cecostomia temporanea consistente in una connessione dell'intestino direttamente sulla pelle per ridurre la pressione all'interno del trattamento intestinale e alleviare i sintomi.

Diagnosi della sindrome di Ogilvie

La diagnosi della sindrome di Ogilvie può essere effettuata attraverso l'osservazione e la palpazione della pancia da parte di un gastroenterologo e l'esecuzione di test diagnostici come la radiografia addominale, il clisma opaco o la tomografia computerizzata addominale. Ecco come si fa il clistere in: clistere opaco.

Oltre a diagnosticare la sindrome di Ogilvie, i test utilizzati possono anche aiutare a identificare le lesioni, come il sanguinamento addominale o il tumore retroperitoneale, che possono causare la comparsa del problema, rendendo più facile il trattamento.

I sintomi della sindrome di Ogilvie

I principali sintomi della sindrome di Olgivie includono:

  • Forte dolore alla pancia;
  • Ventre gonfio;
  • Nausea e vomito;
  • Cambiamento delle abitudini intestinali, in particolare della stitichezza;
  • Febbre superiore a 38 ° C.

Questi sintomi possono comparire a poco a poco sempre più intensa circa 24 ore dopo lo sviluppo del problema e sono più comuni nei pazienti con storia di un intervento chirurgico intestinale, malattie degenerative come il Parkinson e l'Alzheimer, o che sono in trattamento con farmaci antidepressivi, morfina o antiparkinson.