Vedi i sintomi e come trattare la difterite

La difterite è una malattia infettiva contagiosa caratterizzata da infiammazione e lesioni del tratto respiratorio e può anche interessare la pelle, ed è più comune nei bambini di età compresa tra 1 e 4 anni, sebbene possa verificarsi in tutte le età.

Questa malattia è causata da batteri Corynebacterium diphtheriae, che produce tossine che possono essere direttamente nel sangue, che possono influenzare altri organi e portare a varie complicazioni. Pertanto, il trattamento deve essere eseguito non appena compaiono i primi sintomi e di solito viene eseguito con l'uso di antibiotici, che dovrebbero essere assunti secondo il parere del medico.

La difterite può essere trasmessa facilmente da persona a persona attraverso la tosse o starnuti, come persone contaminate, e in alcuni casi a causa del consumo di alimenti contaminati o del contatto con indumenti e giocattoli infettati dai batteri.

Il modo migliore per prevenire la difterite è attraverso la vaccinazione, che dovrebbe essere fatta nei primi mesi di vita e la prima spinta a 4 anni. Il vaccino, oltre a proteggere contro la difterite, protegge anche contro il tetano e la pertosse, che sono anche malattie causate da batteri e possono portare a varie complicazioni di salute.

Sintomi di difterite

Segni e sintomi indicativi di difterite sono:

  • Formazione di placche grigiastre nella regione delle tonsille;
  • Infiammazione e mal di gola, soprattutto durante la deglutizione;
  • Gonfiore del collo;
  • febbre;
  • Secrezione nasale con sangue;
  • Ferite e macchie rosse sulla pelle;
  • Colore bluastro nella pelle a causa della mancanza di ossigeno nel sangue;
  • Nausea e vomito;
  • Naso gocciolante;
  • Mal di testa;
  • Difficoltà a respirare.

I sintomi compaiono tra 3 e 6 giorni dopo l'esposizione della persona ai batteri, e si raccomanda di andare al pronto soccorso non appena compaiono i sintomi in modo che l'infezione possa essere trattata e quindi evitare l'aggravamento e la trasmissione della malattia ad altre persone .

La difterite è una malattia infettiva, cioè può essere trasmessa da persona a persona facilmente, soprattutto quando si parla, si tossisce, si starnutisce o si entra in contatto con una persona contaminata dai batteri.

Come viene fatta la diagnosi?

La diagnosi di difterite viene effettuata valutando i sintomi presentati dalla persona, così come i test di laboratorio per confermare l'infezione. Di solito al dottore viene chiesto di eseguire un esame ematico e una coltura della secrezione della gola, che deve provenire da una delle placche presenti nella gola e deve essere raccolta da un professionista addestrato.

La coltura della secrezione della gola mira a identificare la presenza del batterio e, quando positivo, viene fatto un antibiogramma per definire quale antibiotico sia più appropriato per trattare l'infezione. A causa della capacità del batterio di diffondersi rapidamente attraverso il flusso sanguigno, il medico può richiedere una emocoltura.

Trattamento di difterite

Il trattamento per la difterite viene eseguito secondo la raccomandazione medica e gli antibiotici sono solitamente indicati con l'obiettivo di eliminare i batteri, come la penicillina o l'eritromicina, oltre al riposo.

Solitamente il recupero dell'infezione viene ritardato e, quando i sintomi sono più gravi, può essere necessario eseguire il trattamento con la persona ricoverata, essendo necessario che la respirazione avvenga con l'ausilio di dispositivi. Scopri come viene fatto il trattamento difterite.

Per evitare l'infezione da Corynebacterium diphtheriae è importante prendere il triplo vaccino batterico, chiamato anche DTPa, che protegge contro difterite, tetano e pertosse. Si raccomanda di somministrare questo vaccino a 2, 4, 6 e 15 mesi di vita e rinforzato a 4 anni. È anche indicato che gli adulti dovrebbero promuovere questo vaccino ogni 10 anni. Ulteriori informazioni sul vaccino contro la difterite, il tetano e la pertosse.