Vaccino contro l'HIV

Il vaccino contro il virus dell'HIV è allo studio, è stato studiato da scienziati di tutto il mondo, ma non esiste ancora un vaccino che sia veramente efficace. Nel corso degli anni ci sono state molte ipotesi che il vaccino ideale sarebbe stato trovato, tuttavia, tutti hanno perso il loro effetto.

Capire perché l'HIV non ha ancora un vaccino efficace e gli ostacoli incontrati finora.

Perché l'HIV non ha ancora vaccini

Al momento non esiste un vaccino efficace contro il virus HIV, perché si comporta in modo diverso da altri virus, come ad esempio il virus dell'influenza o della varicella. Nel caso dell'HIV il virus colpisce una delle cellule di difesa più importanti del corpo, il linfocita T CD4, che controlla la risposta immunitaria di tutto il corpo. I vaccini "normali" offrono una parte del virus vivo o morto, il che è sufficiente a far riconoscere al corpo l'agente incriminato e stimolare la produzione di anticorpi contro quel virus.

Tuttavia, nel caso dell'HIV, non è sufficiente stimolare la produzione di anticorpi, perché questo non è abbastanza per il corpo per combattere la malattia. Le persone sieropositive hanno molti anticorpi circolanti nel loro corpo ma questo non è abbastanza perché non sono in grado di eliminare il virus dell'HIV. Pertanto, il vaccino contro l'HIV dovrebbe funzionare in modo diverso rispetto ad altri tipi di vaccini esistenti contro i virus più comuni.

Ciò che ostacola la creazione del vaccino contro l'HIV

Un fattore che ostacola la creazione di vaccino contro l'HIV è che il virus attacca la cellula responsabile della regolazione del sistema immunitario, il T linfociti CD4, il che significa che non v'è produzione di anticorpi incontrollata. Inoltre, il virus HIV può subire varie modifiche possono avere caratteristiche differenti tra le persone Quindi, anche se si scopre il vaccino per l'HIV, un'altra persona può trasportare il virus modificato, per esempio, e, quindi, il vaccino diventa non ha alcun effetto

Un altro fattore che ostacola gli studi è che il virus HIV non è animali aggressivi, e così le prove possono essere eseguite solo sulle scimmie (perché ha un DNA molto simile con umana), o gli esseri umani stessi. La ricerca sulle scimmie sono molto costosi e hanno linee guida molto severe per il benessere degli animali, che rendono queste indagini non sempre fattibile, e non gli esseri umani non ci sono molti studi che hanno superato gli studi di fase 2, che spieghiamo qui di seguito.

Come vengono creati i vaccini

Il processo di creazione dei vaccini passa attraverso 3 diverse fasi:

Fase 1:

Un vaccino sperimentale è stato testato con i frammenti di virus in un piccolo numero di persone, ad esempio 100, e si osserva come il suo corpo reagisce dopo che i vaccini e gli effetti collaterali che si presentano. Questa fase dura in media 2 anni e, se i risultati sono soddisfacenti, il vaccino passa alla seconda fase. Molti vaccini contro l'HIV sono già passati attraverso questo momento di speranza.

Fase 2:

Lo stesso vaccino deve essere testato in un numero maggiore di persone, per esempio 1.000 persone, e oltre a osservare come il suo corpo reagisce e gli effetti collaterali, i tentativi di scoprire se diverse dosi sono efficaci al fine di trovare la dose appropriata, che ha meno effetti dannosi ma che è in grado di proteggere tutti nel mondo.

Poiché il virus HIV ha molti sottotipi di tutto il mondo, di solito le indagini sono più difficili, a questo punto, dal momento che il vaccino può essere efficace per un tipo di frequente virus in Africa, ma non è efficace per il virus si trovano in altri paesi, e questo vaccino non è considerato efficace.

Diversi sondaggi in tutto il mondo sono nella seconda fase di test, che richiedono una cooperazione a livello mondiale.

Fase 3:

Assumendo lo stesso vaccino ha trovato il successo attraverso la fase 2, si passa alla terza fase di applicazione di questo vaccino in un maggior numero di persone, ad esempio 5000, e vedere se davvero sono protetti o no.

Tuttavia, anche con il vaccino in fase finale di test, è importante che la persona che passa a prendere le stesse precauzioni relative alla protezione contro la contaminazione, vale a dire utilizzando il preservativo e non la condivisione serigas, per esempio. Inoltre, l'assenza di comportamenti a rischio è importante per valutare l'efficacia e la sicurezza del vaccino oggetto dello studio.

Tipi di vaccino contro l'HIV

Ci sono due diversi tipi di vaccino, un vaccino per prevenire l'HIV, che si concentrano la maggior parte degli studi, così come vaccino terapeutico, che aiuta nel trattamento contro l'HIV, questo esiste già ed è stato utilizzato in combinazione con farmaci antiretrovirali, con in molti paesi. Ulteriori informazioni sui progressi nella cura dell'HIV e su come il vaccino terapeutico è stato utilizzato nei pazienti sieropositivi.