Tutto sull'epatite C

L'epatite C è un'infiammazione del fegato causata da un virus, che nella stragrande maggioranza dei casi finisce con l'evolversi in malattia cronica. I pazienti con epatite C cronica possono rimanere senza sintomi per anni, o dopo qualche tempo, possono avere sintomi come pelle e occhi gialli, per esempio.

L'epatite C si cura raramente da sola e pertanto si raccomanda sempre un trattamento clinico. Può essere trasmesso attraverso il contatto con le secrezioni e il sangue contaminato, essendo più comune tra i tossicodipendenti che condividono gli aghi e attraverso il contatto con oggetti appuntiti o sangue contaminato.

Trasmissione dell'epatite C

La trasmissione avviene attraverso il contatto con sangue o secrezioni contaminate dal virus, come lo sperma o le secrezioni vaginali con una persona che ha diversi partner sessuali, durante il contatto intimo senza preservativo.

L'epatite C può anche essere trasmessa attraverso lo scambio dell'ago, comune nei consumatori di droghe per via iniettiva, perforando e tatuando con materiale contaminato e condividendo rasoi, spazzolini da denti o strumenti per manicure o pedicure.

Un'altra forma di contaminazione è la trasfusione di sangue eseguita prima del 1993, quando il sangue non poteva ancora essere testato per l'epatite C, quindi tutte le persone che hanno ricevuto il sangue prima di quell'anno dovrebbero essere testate perché potrebbero essere contaminate.

Sebbene le probabilità di contaminazione del bambino durante la gravidanza siano molto piccole, potrebbe verificarsi una contaminazione durante il parto.

Come prevenire l'epatite C

La prevenzione può essere fatta attraverso semplici misure come:

  • Usa un preservativo in ogni contatto intimo;
  • Non condividere siringhe, aghi e rasoi che potrebbero tagliare la pelle;
  • Richiedere materiale usa e getta quando si esegue il piercing, il tatuaggio, l'agopuntura e durante la manicure o la pedicure;

Poiché non esiste ancora un vaccino per l'epatite C, l'unico modo per prevenire la malattia è quello di evitare le sue forme di trasmissione.

I sintomi dell'epatite C

Nella fase acuta, l'epatite C può causare sintomi, come ad esempio:

  • febbre;
  • Nausea, vomito e mancanza di appetito;
  • Dolori addominali, dolori muscolari e articolari;
  • Urine scure e feci leggere;
  • Colore giallastro di pelle e occhi.

Questi sintomi possono non essere notati poiché la maggior parte delle volte la malattia è asintomatica e la persona può essere contaminata e la malattia si manifesta solo da 2 mesi a 2 anni dopo. Per saperne di più sui sintomi vedere: Sintomi di epatite C.

La diagnosi di questo tipo di epatite può essere effettuata attraverso esami del sangue per rilevare la presenza di anticorpi anti-HCV e i marker AST / TGO e ALT / TGP sono indicativi di infiammazione nel fegato e quindi nella fase acuta di epatite, i suoi valori possono essere fino a 100 volte superiori al normale. Tuttavia, di solito questo tipo di epatite viene scoperto solo nella fase cronica della malattia, dopo un esame del sangue di routine.

Trattamento per l'epatite C

Il trattamento per l'epatite C deve essere diretto da un epatologo o infettivo e consiste nell'assunzione di medicinali come l'interferone associato a ribavirina, tuttavia questi hanno gravi effetti collaterali che possono rendere difficile il trattamento.

Effetti collaterali di interferone e ribavirina

interferone:

  • Sintomi dell'influenza: febbre, malessere, dolore nel corpo, articolazioni e mal di testa;
  • Neutropenia, trombocitopenia e lieve anemia;
  • Nausea, diarrea;
  • Stanchezza, irritabilità, cambiamenti comportamentali;
  • Instabilità emotiva, depressione, tendenza al suicidio;
  • Diabete mellito, iper o ipotiroidismo;
  • Epatite autoimmune, artrite reumatoide, anemia emolitica autoimmune;
  • Perdita di capelli ed eruzione cutanea;
  • Aritmia, ischemia, cardiomiopatie;
  • Nefrite interstiziale, sindrome nefrosica e insufficienza renale acuta;
  • Polmonite, dispnea, febbre, ipossiemia;
  • Cambiamenti nella retina: sanguinamento o ischemia;
  • Perdita dell'udito temporanea;

ribavirina:

  • Anemia emolitica dose-dipendente;
  • Lieve affaticamento, mal di testa, insonnia, vertigini, depressione;
  • Congestione nasale, faringite, tosse e prurito nel corpo;
  • Peggioramento dei cambiamenti cardiovascolari dovuti all'anemia;
  • Errori o malformazioni congenite in caso di gravidanza.

Altri farmaci che possono essere indicati sono Daklinza e Sofosbuvir, ma questi hanno un costo finanziario elevato. Scopri di più sul trattamento dell'epatite C

Inoltre, il cibo è molto importante e aiuta a mantenere il fegato sano, evitando la cirrosi. Guarda il video qui sotto per alcuni consigli del nostro nutrizionista: