Cos'è Hantavirus e come prevenirlo

L'Hantavirus è una malattia acuta e grave, trasmessa da un virus chiamato hantavirus, che è presente nelle feci, nelle urine e nella saliva dei roditori, specialmente nei ratti selvatici.

Il più delle volte, l'infezione delle persone avviene per inalazione di particelle del virus sospese in polvere contaminata. I primi sintomi possono insorgere dopo circa 2 settimane di infezione, ci possono essere febbre, vomito, mal di testa nel corpo e poi progredire con i polmoni, cuore o reni compromessi, che possono essere molto gravi.

Il trattamento viene eseguito in ospedale con misure di trattenimento del respiro e dati vitali in quanto non esiste un trattamento specifico per curare l'hantavirus. Così è molto importante per prevenire la malattia, evitando mantenendo detriti che possono ospitare ratti intorno alla casa, evitare ambienti polverosi che sono state chiuse e che possono fermarsi roditori e mantenere sempre il cibo fornito in modo che non possano essere contaminati dai topi.

Sintomi principali

I primi sintomi di hantavirus possono sorgere da 5 a 60 giorni (in media 2 settimane) dopo l'infezione, e possono essere febbre, mal di testa, stanchezza, dolori muscolari, nausea, vomito e dolori addominali. Questo quadro iniziale non è specifico e difficile da distinguere da altre infezioni come l'influenza, la dengue o la leptospirosi, per esempio. Scopri di più sui sintomi e sul trattamento della leptospirosi, che può anche essere trasmessa dai ratti.

Dopo circa 3 giorni, possono insorgere sintomi respiratori, tosse, espettorazione di muco e sangue e dispnea, che può progredire a insufficienza respiratoria causata da accumulo di liquido nei polmoni, caduta della pressione sanguigna e collasso del movimento il sangue. Questa immagine è chiamata Hantavirus Cardiopulmonary Syndrome (SCPH)

In altri casi, la malattia può essere associata con la funzione compromissione dei reni, con uscita diminuzione delle urine, chiamati oliguria, accumulo di urea nel sangue, lividi e petecchie dal corpo, rischio di sanguinamento e il fallimento del funzionamento dei vari organi, con il tavolo diFebbre emorragica con sindrome renale (FHSR).

Il recupero è più probabile quando la persona ha un trattamento adeguato in ospedale, che può durare da 15 a 60 giorni, e può ancora avere sequele come insufficienza renale cronica o ipertensione, per esempio.

Come confermare

La conferma della diagnosi di hantavirus viene effettuata mediante esami del sangue immunologici che mostrano anticorpi contro hantavirus o test che identificano il genoma del virus.

Modalità di trasmissione

La modalità principale di trasmissione è particelle virali hantavirus di inalazione sono eliminati nell'ambiente da urina e feci roditori infetti, che possono essere sospese in aria insieme con la polvere.

Altre forme possibili sono il consumo di alimenti contaminati, il contatto del virus con la pelle o le ferite della mucosa o, più raramente, attraverso la puntura del ratto.

Così, le persone a maggior rischio di infezione sono coloro che lavorano con capannoni e fienili medicazioni in grado di ospitare i roditori e le aree di rimboschimento, le persone che frequentano negozi di alimentari o persone che campo o fare le tracce in ambienti selvaggi.

In Brasile, le regioni più colpite dagli hantavirus sono il sud, il sud-est e il centro-ovest, specialmente nelle regioni legate all'agricoltura, sebbene possano esserci contaminazioni in qualsiasi luogo. Scopri di più sulle caratteristiche e le modalità di trasmissione di hantavirus.

Come viene eseguito il trattamento?

Il trattamento per hantavirus consiste nel controllare i sintomi della malattia e non esiste un medicinale specifico per il controllo del virus. Il trattamento viene solitamente eseguito in ospedale e, nei casi più gravi, anche in unità di terapia intensiva (ICU).

Durante il trattamento, il supporto della capacità respiratoria, a causa dello sviluppo della sindrome cardiopolmonare, oltre al controllo della funzionalità renale e di altri dati vitali, può essere necessario, in alcuni casi, per l'emodialisi o la respirazione mediante dispositivi.

Come prevenire hantavirus

Per prevenire hantavirus, si consiglia di:

  • Mantenere i dintorni della casa puliti e privi di vegetazione e detriti che possano ospitare roditori;
  • Evitare di spazzare o spolverare i posti che potrebbero essere roditori, preferendo pulire con un panno umido;
  • Quando entrate in luoghi chiusi da molto tempo, provate ad aprire finestre e porte per far entrare aria e luce;
  • Lascia sempre cibo ben fornito e fuori dall'accesso ai roditori. Scopri i suggerimenti su come evitare la contaminazione degli alimenti;
  • Lavare gli utensili da cucina che vengono conservati a lungo prima di usarli.

Inoltre, si consiglia di pulire sempre accuratamente le mani e il cibo prima di mangiare, in quanto potrebbero contenere particelle di virus. Controlla i passaggi per lavarsi bene le mani.