Cos'è ileo paralitico

L'ileo paralitico è una malattia che colpisce l'intestino, alterando o cessando la sua motilità. Nelle persone sane, durante la digestione, il cibo passa attraverso l'intestino fino a quando non viene digerito o eliminato attraverso i movimenti peristaltici. Tuttavia, nelle persone con ileo paralitico, questi movimenti non si verificano o sono quasi inesistenti e possono causare sintomi quali perdita di appetito, stitichezza, vomito o persino ostruzione intestinale. Vedi di più su questa malattia.

L'ileo può essere causato da altri disturbi o prendendo alcuni farmaci che possono causare problemi molto gravi se non gestita da perforazione intestinale e l'infezione generalizzata, conosciuta anche come la sepsi e quindi il trattamento deve essere fatto il più rapidamente possibile possibile.

Possibili cause

L'ileo paralitico può essere causato da diversi fattori, come:

  • Cancro nell'intestino;
  • Malattie infiammatorie intestinali, come il morbo di Crohn;
  • diverticolite;
  • Torsione del colon;
  • Ernie inguinali;
  • Morbo di Parkinson;
  • Assunzione di stupefacenti come idromorfone, morfina o ossicodone e assunzione di antidepressivi triciclici come amitriptilina e imipramina;

Inoltre, questa malattia può anche essere causata dalla formazione di tessuto fibroso, che può verificarsi dopo un intervento chirurgico addominale, quindi è importante essere consapevoli dei sintomi nel periodo postoperatorio.

Quali sono i segni e i sintomi

I sintomi più comuni che possono verificarsi nelle persone con questa malattia sono dolore addominale, perdita di appetito, costipazione, gonfiore addominale, gonfiore, nausea e vomito, che possono contenere tracce di feci.

Nei casi più gravi, complicazioni possono verificarsi come necrosi cellulare dell'intestino causa di una diminuzione di sangue o perforazione intestinale, che può causare un'infezione chiamata peritonite, che si verifica a causa della diffusione dei batteri presenti nell'intestino, chiamato E. coli Se l'infezione non viene trattata in modo tempestivo, può portare a sepsi e insufficienza d'organo.

Come viene eseguito il trattamento?

Prima di trattare ileo paralitico, è necessario identificare la causa all'origine. Per questo, il medico può fare una diagnosi attraverso un esame fisico, una radiografia, una TAC o un'ecografia.

Dell'ileo può guarire sé è solo necessario stabilizzare la persona che somministra liquidi attraverso la vena, inserimento di un tubo nasogastrico ad aspirare aria e liquido, che contribuirà ad alleviare il gonfiore addominale. Tuttavia, se non vi è alcun miglioramento, il medico dovrebbe scegliere un altro trattamento al fine di evitare l'ostruzione intestinale.

Se si tratta di un farmaco che causa il problema, il medico può interrompere l'assunzione di questo medicinale o prescrivere un medicinale che stimola il transito intestinale, come la metoclopramide o il domperidone.

Se l'ostruzione è parziale, cioè, se del cibo e fluidi continuano ad essere trasportato attraverso l'intestino, è solo necessario per stabilizzare la persona e fare una dieta povera di fibre, può anche essere prescritto un rimedio per accelerare il transito intestinale.

Nei casi di ostruzione totale, o se il trattamento per l'ostruzione parziale non funziona, può essere necessario un intervento chirurgico per alleviare l'ostruzione, rimuovere una porzione dell'intestino o addirittura rimuovere l'intero intestino. Nei casi in cui viene rimosso l'intero intestino, è necessario fare una stomia, che consiste nel creare un canale che collega l'intestino ad una sorta di sacchetto, attraverso un'apertura nell'addome, dove sono eliminate le feci.