Vaccino per l'epatite B

Il vaccino contro l'epatite B viene iniettato. Questo vaccino induce la formazione di anticorpi contro il virus dell'epatite B e si trova nel programma di base della vaccinazione del bambino.

Gli adulti non vaccinati possono anche fare il vaccino, che è particolarmente raccomandato per gli operatori sanitari, i pazienti affetti da epatite C, gli alcolizzati e gli individui con altre malattie del fegato.

Il vaccino contro l'epatite B è prodotto da diversi laboratori ed è disponibile presso le cliniche e le cliniche di vaccinazione.

indicazioni

Epatite B (prevenzione)

Effetti collaterali

Mal di testa, stanchezza, febbre, vertigini, calore, disagio, edema, indurimento, formazione di noduli infiammazione rossastra nella pelle.

Controindicazioni

Rischio di gravidanza C, storia di ipersensibilità ai componenti del vaccino, compreso il lievito, malattia acuta da moderata a grave (posticipare la vaccinazione fino a quando il paziente non riprende dalla fase acuta della malattia).

Modalità d'uso

Dosaggio iniettabile

Bambini: il vaccino deve essere somministrato per via intramuscolare, nella regione antero-laterale della coscia.

  • 1a dose: neonato nelle prime 12 ore di vita (nel reparto maternità)
  • 2a dose: 1 mese
  • 3a dose: 6 mesi

Adulti: il vaccino deve essere somministrato per via intramuscolare al braccio.

  • 1a dose: età non determinata
  • 2a dose: 30 giorni dopo la 1a dose
  • 3a dose: 180 giorni dopo la 1a dose

In casi speciali, l'intervallo tra le dosi può essere più breve.

Vaccino per l'epatite B in gravidanza

Il vaccino contro l'epatite B è la forma più efficace di prevenzione per prevenire l'infezione da virus dell'epatite B e quindi per trasmetterlo al bambino, quindi tutte le donne in gravidanza che non hanno ricevuto il vaccino dovrebbero prenderlo prima rimanere incinta

Il vaccino può essere assunto anche durante la gravidanza a partire dalla 13a settimana di gestazione ed è raccomandato per le donne in gravidanza che non sono state vaccinate o che hanno un programma di vaccinazione incompleto. Inoltre, in questo caso, la donna incinta dovrebbe anche prendere iniezioni di immunoglobuline per ridurre il rischio di contaminazione del bambino.

Vaccino contro l'epatite B nei giovani

Il Ministero della Salute mette in guardia tutti i giovani fino a 24 anni di età e quelli che sono vulnerabili al virus dell'epatite B per vaccinarsi contro la malattia. E attira l'attenzione di tutti coloro che sono già stati esposti al virus per essere sottoposti a test per l'epatite B.

Gli individui che sono vulnerabili al virus dell'epatite B sono quelli che:

  • ho avuto qualche contatto intimo non protetto;
  • sistema immunitario compromesso;
  • avere o avere avuto parenti con epatite b;
  • sono o sono stati consumatori di droga;
  • trasfusione di sangue prima del 1992;
  • sono la progenie di una madre con epatite B.

Le situazioni in cui le persone possono essere state esposte al virus dell'epatite B includono:

  • contatto con sangue o secrezioni di un individuo contaminato;
  • essere un professionista della salute come medico, infermiere, fisioterapista, bagnino;
  • aver fatto una sorta di salvataggio in cui c'era contatto con sangue sconosciuto.

Il ministero della salute mette in guardia tutti coloro che non sono sicuri di essere vaccinati per unirsi alla vaccinazione dell'epatite B e C.

Link utili:

  • Epatite B
  • Epatite B in gravidanza